Ultime notizie dal mondo dei viaggi e del Turismo, Consigli utili, normative, avvisi particolari

Italiano | English

Nominativo: 

Email:

Ho preso visione della informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali.*     Si No

 

 

Ognissanti in Guatemala, alla festa degli aquiloni

 

Il giorno dei morti è una festività religiosa molto sentita in America Latina.
In tutti i paesi si svolgono ogni anno in questa occasione diverse celebrazioni: senza dubbio la festa più affascinante si tiene in Guatemala, per la precisione a Santiago e a Sumpango Sacatepequez.
Qui da circa 3.000 anni il giorno dei morti ha luogo la Festa degli Aquiloni Giganti, una tradizione unica nel suo genere che unisce ritualità indigene e cristianesimo.
Gli aquiloni sono infatti considerati un modo per ricordare i propri cari e per comunicare con loro in questa occasione, un segno di rispetto che si traduce nella realizzazione di aquiloni in bambù e tessuto estremamente complessi e di grandi dimensioni.
I preparativi impegnano i partecipanti alla festa per molti mesi: gli aquiloni si caratterizzano infatti per un design studiato nel minimo dettaglio e motivi geometrici ricercati, che spesso riportano al proprio interno messaggi dedicati ai defunti.
La celebrazione è inoltre un’importante occasione sociale e di competizione tra i partecipanti, con numerosi premi messi in palio dagli sponsor per l’aquilone più bello e per l’aquilone più grande.
La Festa degli Aquiloni Giganti inizia al mattino presto, con la processione verso il cimitero di Sacatepequez. Qui gli abitanti della città vengono a rendere omaggio ai defunti, ricoprendo le tombe di petali di fiori colorati e recitando preghiere.
Dal cimitero si raggiunge una collina vicina, dove gli aquiloni sono in bella mostra. Iniziano i balli e la musica e arrivano i banchetti del cibo, mentre nell’aria volteggiano migliaia di piccoli aquiloni.
Ma è solo al tramonto che i giganteschi aquiloni (alcuni dei quali raggiungono una superficie di oltre 30 metri quadrati) vengono lanciati al cielo, volando verso la fredda luce autunnale.
In pochi minuti il vento sferza e sgretola il tessuto degli aquiloni, creando uno spettacolo magico, breve ma emotivamente intenso.
Finisce così la festa. Appuntamento al prossimo anno, con un nuovo aquilone, come sempre da 3.000 anni a oggi.

 

Il giorno dei morti è una festività religiosa molto sentita in America Latina.

In tutti i paesi si svolgono ogni anno in questa occasione diverse celebrazioni: senza dubbio la festa più affascinante si tiene in Guatemala, per la precisione a Santiago e a Sumpango Sacatepequez.

Qui da circa 3.000 anni il giorno dei morti ha luogo la Festa degli Aquiloni Giganti, una tradizione unica nel suo genere che unisce ritualità indigene e cristianesimo.

Gli aquiloni sono infatti considerati un modo per ricordare i propri cari e per comunicare con loro in questa occasione, un segno di rispetto che si traduce nella realizzazione di aquiloni in bambù e tessuto estremamente complessi e di grandi dimensioni.

I preparativi impegnano i partecipanti alla festa per molti mesi: gli aquiloni si caratterizzano infatti per un design studiato nel minimo dettaglio e motivi geometrici ricercati, che spesso riportano al proprio interno messaggi dedicati ai defunti.

La celebrazione è inoltre un’importante occasione sociale e di competizione tra i partecipanti, con numerosi premi messi in palio dagli sponsor per l’aquilone più bello e per l’aquilone più grande.

La Festa degli Aquiloni Giganti inizia al mattino presto, con la processione verso il cimitero di Sacatepequez. Qui gli abitanti della città vengono a rendere omaggio ai defunti, ricoprendo le tombe di petali di fiori colorati e recitando preghiere.

Dal cimitero si raggiunge una collina vicina, dove gli aquiloni sono in bella mostra. Iniziano i balli e la musica e arrivano i banchetti del cibo, mentre nell’aria volteggiano migliaia di piccoli aquiloni.

Ma è solo al tramonto che i giganteschi aquiloni (alcuni dei quali raggiungono una superficie di oltre 30 metri quadrati) vengono lanciati al cielo, volando verso la fredda luce autunnale.

In pochi minuti il vento sferza e sgretola il tessuto degli aquiloni, creando uno spettacolo magico, breve ma emotivamente intenso.

Finisce così la festa. Appuntamento al prossimo anno, con un nuovo aquilone, come sempre da 3.000 anni a oggi.


 

 

Galleria Immagini

 

Richiesta Informazioni

per richiedere informazioni su questo pacchetto di viaggio compilare il seguente modulo:

Cognome:

*

Nome:

*

Telefono:

*

Indirizzo:

Città:

E-mail:

*

Richieste:

Ho preso visione della informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali.*

Si No

Autorizzo l'invio di materiale pubblicitario da parte di The World is Mine.
Si No

   
 

 

The World Is Mine - Luxury Travel Operator & Travel Agency

The World is Mine - Palazzo Capponi delle Rovinate - Via dé Bardi, 36 - 50125 Firenze

Tel. +39 055.234.7663 - Fax +39 055.200.8266 - info@theworldismine.it - PEC: theworldismine@pec.it
JDR consulting s.r.l. - PI e CF 05589770485 - Capitale sociale eur 10.000,00 iv - REA 558946 CCIAA di Firenze
Privacy Policy | Cookies Policy

 

 

The World is Mine Firenze - Ultime Notizie - Viaggi - Normative - Sicurezza - Scioperi - Notizie di carattere generale