Ultime notizie dal mondo dei viaggi e del Turismo, Consigli utili, normative, avvisi particolari

Italiano | English

Nominativo: 

Email:

Ho preso visione della informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali.*     Si No

 

 

Parzialmente incostituzionale il Codice di Brambilla

La Corte Costituzionale ha bocciato in parte o del tutto 19 articoli del Codice del Turismo, il decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79, voluto dall’allora ministro Michela Brambilla.

 

Il decreto, che riordinava sostanzialmente la normativa di settore, suscitò come noto polemiche roventi, per la totale solitudine nella quale il ministro e i suoi consulenti avevano studiato il testo, senza minimamente consultare né coinvolgere le associazioni di settore.

 

La Corte ha parzialmente accolto i ricorsi presentati dalle Regioni Toscana, Puglia, Umbria e Veneto. Le quali avrebbero voluto una bocciatura totale, che non c’è stata, ma sostanzialmente vincono dove accusano lo Stato – come spiega la Corte nella sentenza 80/2012 – “di un accentramento di competenze spettanti in via ordinaria alle Regioni, in forza della loro competenza legislativa esclusiva in materia di turismo”. Perché lo Stato avrebbe potuto solo riordinare la normativa corrente in fatto di turismo. Il Sole24Ore pubblica online il link alla sentenza (http://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do).

 

Commenta con soddisfazione la sentenza Andrea Giannetti, presidente di Assotravel Confindustria: «Una legge nata male – dice – che si è tentato di raddrizzare e che è stata portata avanti a dispetto di tutte le annotazioni delle associazioni di categoria. Questo si riflette anche sulle norme che toccano il difficile equilibrio con le competenza regionali. Mi chiedo da imprenditore del settore chi risponderà dei costi del procedimento davanti alla Corte Costituzionale. E tutto questo fa riflettere sul valore dei consulenti che avrebbero dovuto garantire la sostanziale correttezza normativa del decreto. Ora le agenzie sono relativamente toccate dalla bocciatura del Codice del Turismo, ma è evidente che gli articoli che abbiamo a suo tempo contestato e che riguardano le nostre imprese restano dettati dallo stesso “spirito” contenuto nelle norme respinte e oggi quindi clamorosamente sanzionato».

Fonte: L'Agenzia di Viaggi

http://www.lagenziadiviaggi.it/notizia_standard.php?IDNotizia=164784&IDCategoria=2423


 

 

Galleria Immagini

 

Richiesta Informazioni

per richiedere informazioni su questo pacchetto di viaggio compilare il seguente modulo:

Cognome:

*

Nome:

*

Telefono:

*

Indirizzo:

Città:

E-mail:

*

Richieste:

Ho preso visione della informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali.*

Si No

Autorizzo l'invio di materiale pubblicitario da parte di The World is Mine.
Si No

   
 

 

The World Is Mine - Luxury Travel Operator & Travel Agency

The World is Mine - Palazzo Capponi delle Rovinate - Via dé Bardi, 36 - 50125 Firenze

Tel. +39 055.234.7663 - Fax +39 055.200.8266 - info@theworldismine.it - PEC: theworldismine@pec.it
JDR consulting s.r.l. - PI e CF 05589770485 - Capitale sociale eur 10.000,00 iv - REA 558946 CCIAA di Firenze
Privacy Policy | Cookies Policy

 

 

The World is Mine Firenze - Ultime Notizie - Viaggi - Normative - Sicurezza - Scioperi - Notizie di carattere generale